Di panini con nomi d’arte e frutta non biodegradabile

Molti di voi stenteranno a crederlo, ma c’è stato un tempo in cui il McDonald, quando faceva uscire una Special Edition, proponeva delle cose davvero diverse dal solito: c’era quello con la bistecchina di maiale, quello con l’astice, l’hamburger con le melanzane, il panino orientale col pollo al limone. Adesso invece, lo dico da un po’, qualunque panino speciale è un Crispy McBacon un po’ diverso. La Selection di Bastianich? McBacon con la scamorza, McBacon con la salsa barbecue, McBacon con il pollo al posto dell’hamburger. Il panino speciale di Natale di due anni fa? McBacon coi peperoni. Adesso finalmente … Continua a leggere Di panini con nomi d’arte e frutta non biodegradabile

Di algoritmi stalker e la scarsa socialità di Pontomedusa

Volevo dire a Facebook che ormai ho esaurito gli amici, ho aggiunto anche i più lontani conoscenti, anche il barista che una volta a Portofino mi vendette un Estathè a 10 euro, quindi potrebbe per favore smettere di consigliarmi “persone che potresti conoscere?” Non conosco più nessuno. Basta. Pietà. Continua a leggere Di algoritmi stalker e la scarsa socialità di Pontomedusa

Acque Chete – I

Genere: Thriller, Azione Avvertenze: Viulènza, Tematiche forti, Forse ci scappa un po’ di sesso, Parole sporche Capitolo I Leggi il Cap. 1   I Seduta sulla scomoda sedia di plastica, Violante è in preda a violenti crampi allo stomaco. Si impone di respirare a lungo per scongiurare il pericolo di vomitare, ma la prima inspirazione le gonfia la pancia e le procura un conato che blocca a fatica. Decide che non è stata una grande idea e si ritrova a fare piccoli, brevi respiri, come capita. Si domanda se le stia venendo un attacco di panico, e spera di no. … Continua a leggere Acque Chete – I

Di cigni grigi, ballerine in delirio e lieto fine

Avvertenza: questo post contiene SPOILER, che lo rendono più aerodinamico, quindi attenzione ai colpi d’aria, che poi vi viene il torcicollo. Da piccole vi piaceva Barbie Ballerina e sognavate di danzare nel Lago dei Cigni? Anche Nina; ma adesso che è grande e fa davvero parte di una compagnia, non è certo da invidiare, fra bulimia per mantenere il fisico da silfide, compagne streghe che si fanno una guerra spietata per il ruolo di protagonista, un regista misogino e pure un po’ maiale, e una madre elicottero che è la regina del ricatto emotivo, che la fa vivere in una … Continua a leggere Di cigni grigi, ballerine in delirio e lieto fine

After the end (of good fiction)

Disclaimer: Questo è un post rancoroso non degno di me. Però oggi mi girano. Apprendo dagli spot televisivi dell’esistenza di questo film dalla trama puerile e banale. Già dal trailer si evince sia un tale coacervo di stereotipi che mi incuriosisce, e vado a cercarne l’origine. Mal me ne incoglie, perché scopro che è tratto da un romanzo nato come fanfic sugli One Direction. Cioè. Una fanfic sugli One Direction, col tipico schema della Mary Sue che fa innamorare l’idolo di turno, e diventa un film che viene persino esportato in Europa. E io sto qua a sovraeccitarmi quando faccio … Continua a leggere After the end (of good fiction)

Acque Chete – 1

Genere: Thriller, Azione Avvertenze: Viulènza, Tematiche forti, Forse ci scappa un po’ di sesso, Parole sporche Capitolo 1 1 Paolo esce dal cancello del cortile e si ferma ad armeggiare con le chiavi per chiuderlo. Impreca: è già in ritardo per il lavoro e quella maledetta serratura coma al solito non vuole saperne di ubbidire. “Ehi!” Si volta a quel richiamo, e vede una ragazza appoggiata al muro di cinta del cortile. È piccola, sottile, e indossa una tuta nera con un cappuccio calato sulla fronte. Quello, unito agli occhiali da sole che le celano gli occhi, non gli permette … Continua a leggere Acque Chete – 1