Pubblicità e stereotipi

Si dice che la pubblicità non sia mai innovativa, perché deve colpire più gente possibile, quindi deve basarsi su messaggi molto semplici e condivisi dalla maggioranza, o almeno dalla maggioranza del suo target.

Anche per questo, quando l’omosessesualità ha cominciato a fare capolino nel mondo pubblicitario, ha fatto tanto scalpore. Vuol dire che, in un certo senso, è stata “sdoganata”.

A causa di questa ricerca di semplicità e immediatezza, non è inusuale che i comunicati pubblicitari si basino su stereotipi. Diciamo che in base a quali stereotipi scelga l’azienda, possiamo capire quali siano i sistemi di valore su cui si basa.

L’esempio proverbiale è “la famiglia del Mulino Bianco”: papà, mamma, figlio e figlia, che alle 7 del mattino sono già lavati, vestiti e sorridenti, tutti intorno al tavolo della colazione.
mulino biancoCome dite? A casa vostra al mattino i bambini non si vogliono alzare, bisogna rincorrerli per fargli lavare i denti e infilare i calzini (possibilmente entrambi dello stesso colore), la moglie sembra uno zombie e si esprime a suoni gutturali finché non ha bevuto il secondo caffè, e il marito tira giù tutti i santi del paradiso perché è già in ritardo e non si sa dove siano finite le chiavi? Devono essersene accorti anche i signori pubblicitari, perché adesso hanno sostituito l’insopportabile adorabile famigliola con Banderas che flirta con una gallina mentre impasta i biscotti.
rosita2

Adesso c’è invece una pubblicità basata su uno stereotipo che io considero in fondo simpatico e giocoso, quindi anche la pubblicità la trovo carina: che poi diciamocelo, in realtà non è uno stereotipo ma una verità universale. Appena gli uomini hanno due linee di febbre, si abbandonano sul divano in pigiama, senza farsi la doccia né la barba, e convocano al proprio capezzale il notaio per il testamento e il prete per l’estrema unzione.

Ma alcune pubblicità gli stereotipi li prendono per ribaltarli. Ad esempio, quelli sulla donna al volante.
Ne ricordo una di qualche anno fa, che purtroppo non sono riuscita a trovare, in cui una ragazza che deve parcheggiare in un posto minuscolo si fa beffe degli uomini che si fermano a guardare aspettandosi mezz’ora di manovre senza risultato, salendo sulla rampa di un carro attrezzi parcheggiato vicino e sfruttandola per scivolare dolcemente nel posto, perfettamente incastrata.
Oppure quella con Claudia Schiffer che manda al diavolo con stile il ragazzotto che suggerisce che non sia in grado di fare una ripida salita, anche se qui il merito non è suo ma della macchina.

Annunci

10 Comments

  1. Ponto… io sono uno spottomane. E ricordavo bene.
    Ti lascio qui con una chicca che… sono sicuro ti lascerà a bocca aperta.
    Guarda soprattutto la fine, quando “ha bisogno della mente lucida” e parte sgommando.
    DOVE DIAVOLO ABBIAMO SBAGLIATO?

    (mi stappo una birra, meh)

  2. Vado un po’ fuori tema, Medusa cara, perdona, ma ho bisogno di sfogarmi!
    Per vari motivi, e anche per non beccarmi la pubblicità, ho smesso di guardare la tv. Mi guardo tutte le mie adorate serie in streaming, scevre di messaggi pubblicitari.
    E non vanno ad inserirmi la pubblicità in modo sfacciato e impudico all’interno del mio telefilm preferito?
    Es. : lei e lui, scena madre con rivelazione di reciproco ammmore, atteso da quattordici puntate, e lei che fa? Sale nella sua nuova, fiammante macchinina, e ne esalta la meraviglia del tettuccio apribile!
    Io alzo il sopracciglio con grande, grande disappunto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...