50 Sfumature di Dentifricio

dentifricio

E’ il titolo del mio prossimo libro.
Narra di una bella e vivace trentenne single che ha un grosso problema: non riesce a lavarsi i denti senza sbrodolarsi.
Fra l’altro, è un’opera di chiara ispirazione autobiografica.

A parte gli scherzi, mi rifiuto di leggere il libro (per tacer del film), ma ho letto degli articoli a proposito, e un’idea me la sono fatta.
Alla fine, è una rielaborazione moderna della favola di Cenerentola: lui ricco bello e con l’elicottero, lei timida stagista inesperta.
Negli anni ’90 avevamo avuto Pretty Woman, negli anni ’10 le Sfumature. Il BDSM aggiunge quel po’ di pepe e trasforma il film in un porno in cui alla fine i due si sposano, come diceva quella vecchia barzelletta.

Ammetto comunque di avere dei profondi pregiudizi, dato che il libro è nato come fan fiction di Twilight. Quindi, come nota lo Spirito Guida, E.L. James ha iniziato come me.
Solo che, siccome lei è partita da una fandom demmérda per scrivere un raccontino banale con personaggi stereotipati e dialoghi da fare accapponare la pelle, ha avuto successo.
Pontomedusa, invece, parte da opere di grande profondità e impatto sulla cultura contemporanea (tesi di laurea sono state scritte su Hokuto no Ken!) per scrivere opere studiate fin nel minimo dettaglio per mantenere freschezza e scorrevolezza pur senza rinunciare a un significato nascosto in un secondo livello di lettura…e s’attacca. Quindi, scusatela se ha un po’ il dentino avvelenato.

Ad ogni modo, se volete davvero vedere un film che tratta l’iniziazione al BDSM di una ragazza ingenua ad opera di un affascinante uomo d’affari, io vi consiglio Secretary.

Secretary

Farfuglianti considerazioni sparse sull’Uomo Uccello (e no, non è Rocco)

birdman

Avvertenza: questo post contiene SPOILER, che lo rendono più aerodinamico, quindi attenzione ai colpi d’aria, che poi vi viene il torcicollo.

Birdman sembra finire come Il Cigno Nero, che poi a pensarci ha tante cose in comune, e non solo il tema ornitologico: ma poi il regista aggiunge quella codina di 10 minuti che sembra spiegare tutto, però non spiega niente, e alla fine torna allo stile Cigno Nero, il finale in cui non si capisce un cazzo, però bello.

E a pensarci ancora meglio, Birdman è praticamente un altro film di Aronofsky, The wrestler. E film di supereroi d’antan e wrestling sono due capisaldi dell’intrattenimento per ragazzini della Generazione Y, quindi altra connessione.

E Iñárritu non è un coglione, eh; la fasciatura che è la maschera di Birdman, maschera che rimane tatuata dai lividi anche quando la fasciatura viene tolta, a indicare la totale trasformazione di Riggan nel suo alter ego, l’accettazione del suo vero sé.

La storia della pistola l’avevo capita dopo dieci minuti, ma in fondo è anche quello un fondamento del teatro, la Pistola di Cechov, e bravo Iñárritu e bravi tutti, che ci facciamo l’occhietto e ci diamo le gomitate nelle costole a vicenda.

star-trek-stun-gun-bg

No, non questa.

E la musica extradiegetica che invece è diegetica, ma nel momento in cui la scopriamo tale aumenta il senso di straniamento; una volta, due, poi mi ripeti lo stesso trucchetto con la voce che recita Shakespeare, e che siamo scemi, abbiamo capito, e allora tu, Iñárritu, fai il giro doppio riecheggiando la prima scena, quella con l’attore cane prima che gli cada la luce in testa, che pure quella era una scena straniante, bravo Iñárritu, bravo.

Ma alla fine, Iñárritu, che sei pretenzioso pure nel nome, passi l’accento ma mannaggia alla tilde che non so mai dove trovarla sulla tastiera, hai fatto un bel film?
Sì, è un bel film, ma tutti quegli accenti e quelle tildi mi danno sui nervi, e sì che so usare extradiegetico in una frase, anche se sembro una cazzona, eh, Iñárritu.

Di teste di cazzo e facce da culo

Oggi ho aperto il mio muro di Facebook e ho trovato tutti culi.
Cioè, innumerevoli foto di culi, solo culi, in primo piano, ovviamente femminili.

Come mai? Semplice, perché un mio “amico” ha messo il like a una pagina di culi, e Facebook ha ritenuto che la sottoscritta potesse essere interessata.

Ora, una foto di una bella ragazza, anche poco vestita, in linea di massima non mi turba. Ma il primo piano di un culo ha una valenza diversa: solo un culo, senza faccia, magari quella ragazza nemmeno ce l’ha la faccia, magari è così:
Labirinto_FaunoMa non importa, perché al Condivisore di Culi® non interessa la ragazza, ma solo IL CULO.

Che poi, se uno si limitasse a certe passioni nella solitudine della sua cameretta, tanto quanto: ma mettere un like a una pagina del genere significa bullarsi sul principale social del pianeta di essere una testa di cazzo.
O una faccia da culo.

Noioso post su Grecia e Italia che svela che Pontomedusa è una vile reazionaria

renziMi rendo conto che nei blog non si parla di politica, a meno che non sia il Movimento Cinque Stelle (quello fa figo), ma sui social sta girando l’immagine qui sopra e io non posso restare seduta in disparte né arte né parte e non dire quello che mi passa per il cervello in maniera random, come faccio abitualmente qui.

Vediamo un po’ per cosa lodiamo il buon Tsipras: “Reintegro dei dipendenti pubblici licenziati”. Aspetta, aspetta: tu, Condivisore di questa Immagine Impegnata, non sei lo stesso che l’ultima volta che è stato alle poste a ritirare una raccomandata è tornato imprecando contro i blindatissimi e illicenziabili dipendenti statali, ventilando di non pagare più le tasse se devono servire a stipendiare tali scansafatiche? Mi pare che fossi proprio tu, eh. Ma magari mi sbaglio, d’altra parte io ho la Sindrome del Pesce Rosso, non ricordo niente che sia successo più di cinque minuti fa.

Aumento del salario minimo da 586 a 751 euro, mentre il perfido Renzi si è limitato a dare 80 euro a chi ha un lavoro!
Ora, Condivisore, abbi pazienza, ma mi risulta che anche il salario minimo sia qualcosa che riguarda solo chi ha un lavoro, perché i disoccupati non percepiscono salario alcuno, è questo il loro problema.
Avresti fatto più bella figura se avessi sottolineato che 165 euro sono più di 80 (ma messa così avrebbe perso un po’ del suo effetto, vero?). Altresì, sarebbe stato forse necessario ammettere che il minimo tabellare dai vari CCNL in Italia è di circa 1200 euro, quindi la Grecia partiva da una situazione ben più misera della nostra.

Ah, l’elettricità gratuita! Invece noi solo aumenti!
Intanto, Condivisore, visto che a quanto pare hai accesso a Internet, potresti usarlo non solo per andare su Facebook e Disinformazione.It, ma anche per informarti un po’.
Scoprirai così che, quando si parla di aumenti, ci si riferisce in genere ai regimi di maggiore tutela, che sono appunto controllati dallo Stato, e che non possono variare senza l’OK dell’Autorità competente.
Le liberalizzazioni (che in genere vanno a braccetto con le tanto temute privatizzazioni) hanno permesso l’ingresso sul mercato di tante società che fanno prezzi liberi, in genere più bassi di quelli a maggior tutela, e bloccati per due anni: se hai problemi con le bollette, cambia gestore.
Per quanto riguarda i poveri veri, e non i piangina come te, lo Stato italiano già prevede un piccolo bonus per l’elettricità, che copre 2/4 bollette l’anno a seconda dei casi.

Poi abbiamo il capolavoro: Tsipras bravo perché non taglia le pensioni, Renzi cattivo perché non taglia le pensioni. Ah, scusate! Sono le pensioni “d’oro”! Ma quanti parlamentari vanno in pensione ogni anno? Vogliamo dire 100? Su 60 milioni di persone? Ma saranno proprio loro che incidono così tanto sulle casse dell’INPS? Non magari quelli che negli anni ’80 andavano in pensione a 40 anni con 20 anni di contributi? Non i pensionati al minimo che non hanno versato un euro di contributi (e di tasse) in vita loro?
Non parlo della moralità e giustizia di certe situazioni, ma proprio solo di un calcolo economico. Saranno proprio ‘ste pensioni d’oro che aprono voragini nei conti pubblici?
Secondo questa tabella che ho trovato a caso su Internet, quindi datele la dignità che volete, i pensionati da 10mila euro l’anno o meno costano 114 miliardi di euro l’anno, quelli da più di 200mila l’anno costano 20 milioni l’anno.
Ma, Condivisore, lo sappiamo che la matematica non è il tuo forte, che sei laureato in Filosofia o Scienze Politiche se va bene, ti hanno bocciato due volte in Terza Media se va male.

Ma, a parte tutto questo, tutti i provvedimenti qui sopra costano soldi o impediscono di ottenerne (come bloccare le privatizzazioni): quindi, la grana, Tsipras, dove la troverà?

Ah, il colpo di genio: non pagando più i debiti!
Queste sì che sono decisioni di grande valore politico e spessore morale, fra l’altro mentre la Grecia sta ricevendo aiuti a gogò dai confratelli Stati europei.
Con una mano prende i soldi e con l’altra ci fa il dito medio gridando “Ciuupaaa!!”Oltretutto, quando in seguito a questo annuncio le obbligazioni greche sono crollate, tu, Condivisore, hai gridato al gomblotto: Tsipras osa alzare la testa, e il Nuovo Ordine Mondiale gliela fa pagare in Borsa!
No, pirla.
Quando compri una obbligazione di uno Stato, stai prestando soldi a quello Stato in cambio di un interesse. Mi pare abbastanza ovvio che, nel momento in cui il suddetto Stato annuncia che i debiti non li vuole pagare più, tutti cerchino di liberarsi delle suddette obbligazioni, o che siano diposti a comprarle solo in cambio di un altissimo interesse che bilanci il rischio di non rivedere i propri soldi.

A me fa paura il fatto che tu vada a votare e che il tuo voto conti quanto quello di uno normale, Condivisore.
D’altra parte, probabilmente sei uno di quelli che in questi giorni lamentavano il fatto di non potere votare il Presidente della Repubblica, mentre i francesi lo fanno, dimostrando sprezzo per qualunque cognizione riguardo i vari ordinamenti democratici.