Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 3: Luna Nera

Genere: Horror Soprannaturale, Azione

Avvertenze: Viulènza, Tematiche forti, Parole sporche

Capitolo 3 di 13

Leggi il Cap. 1

Leggi il Cap. 2

apocalisse

3. Luna Nera

Wagaye Zenaba alza il volume del televisore e allunga le gambe sul divano.

A sentire il telegiornale, il mondo è impazzito. Certo, notizie come queste si sentono tutti i giorni, ma a Wagaye non sembra che siano mai successe così tante cose, tanto gravi, come negli ultimi due giorni.

Tanto per cominciare lì, a Parigi, le banlieues sono state messe a ferro e fuoco da alcuni degli abitanti. La polizia non riesce a sedare la rivolta, ci sono già stati un sacco di morti, e sicuramente il numero è destinato ad aumentare, dal momento che i rivoltosi non permettono alle ambulanze di avvicinarsi per soccorrere i feriti. Per cosa stiano protestando, poi, non si sa. Probabilmente, non lo sanno neanche loro.

Wagaye sbuffa. Lei abita e lavora in quartieri signorili, lontani dalla periferia, tuttavia questa situazione sta portando dei disagi in tutta la città.

A Chicago, un gruppetto di fanatici di estrema destra si è asserragliato in una scuola ebraica. La polizia non è ancora riuscita a liberare gli ostaggi e la situazione non è chiara, ma pare che abbiano già ucciso diverse persone tra ragazzi e insegnanti.

Wagaye sbadiglia e si sistema un cuscino dietro la schiena.

In uno staterello africano di cui persino lei aveva dimenticato l’esistenza, l’ennesimo tentativo di vanificare l’esito delle elezioni ha scatenato proteste senza precedenti che sono presto sfociate in sanguinose rivolte. Il paese ormai è immerso nella guerra civile. Wagaye si rianima un po’; questo significa che probabilmente il prezzo dei prodotti agricoli, in quello stato e in quelli vicini, salirà alle stelle. Così, i derivati su commodities che ha acquistato il mese prima per conto della società per cui lavora potranno essere rivenduti anche al doppio del prezzo che ha pagato, con un po’ di fortuna.

Wagaye spegne il televisore, si alza dal divano e si stiracchia. Esce sulla terrazza panoramica del suo lussuoso appartamento e si appoggia al parapetto, godendosi la vista.

All’improvviso, le sembra che alla periferia del suo campo visivo sia comparso qualcosa. Si volta di scatto, e li vede.

Due uomini, molto carini, anche. Uno alto e magro, capelli neri e carnagione chiara, zigomi taglienti e occhi di un blu intensissimo. L’altro poco più basso e dal fisico atletico, capelli biondo scuro che gli sfiorano le spalle e barba di qualche giorno.

Naturalmente, non riesce a immaginare come diavolo abbiano fatto ad arrivare fin lì, e senza il minimo rumore. In effetti, le sembra che siano semplicemente comparsi.

Dovrebbe essere terrorizzata. Invece, si sente incuriosita e anche…attratta.

Fa qualche passo verso i due uomini.

L’uomo dai capelli neri le sorride.

Il tempo è giunto, Cavaliere Nero,” dice.

L’uomo biondo, invece, sembra sorpreso, addirittura più di lei.

Carestia è una ragazza?!” dice l’uomo biondo.

E che ragazza, Cavaliere Rosso! Non ti pare?” risponde Wagaye, e gli fa l’occhiolino.

Non sa perché l’ha chiamato così, forse per il colore rosso ruggine dell’uniforme che indossa…ma sa che è il modo giusto.

L’uomo biondo le sorride.

Mi pare, mi pare!” Si rivolge all’uomo più alto. “Mi piace la nostra nuova sorellina!”

Anche tu non sei niente male,” dice Wagaye. Si rende conto che non ha senso, ma si sente perfettamente a suo agio con questi due.

Con i suoi due fratelli.

L’uomo dai capelli neri sorride e scuote la testa.

Tu lo sapevi, Pale!” dice l’uomo biondo al suo compagno. “E non mi hai detto niente!”

Sì, lo sapevo. Appena l’ho sentita, ho saputo tutto di lei…come è stato con te.”

L’uomo biondo sbuffa.

Purtroppo io non ho questo potere,” dice. “Come ti chiami?” le chiede poi.

Wagaye.”

Waga…”

Wagaye si stringe nelle spalle.

I miei erano eritrei, ma io sono cresciuta in Francia. Qui mi chiamano tutti Gaia…puoi farlo anche tu, se vuoi.”

L’uomo dai capelli neri ridacchia.

Scommetto che insisterà per chiamarti Black,” dice.

Be’, sempre meglio che Carestia, no?” ribatte l’uomo biondo.

Black va bene, ma anche Carestia non mi dispiace.”

Sì, ora sa di essere Carestia, e ne è orgogliosa.

Allora tu sei Guerra, direi,” continua, rivolta all’uomo biondo, “e tu Morte,” dice all’uomo alto e pallido.

Piacere di conoscerti, sorellina,” dice Guerra. Morte si limita a sorriderle.

Allora sbaglio o avete già cominciato a darvi un po’…da fare?” dice Wagaye, ripensando a tutte le notizie appena sentite al telegiornale.

Non sbagli, Carestia. Io e Guerra abbiamo cominciato a fare un po’ di…pratica.”

Che dici, siamo stati bravi, Black?” le chiede Guerra, e le fa l’occhiolino.

Bravissimi. La vostra piccola guerra civile in Africa probabilmente mi farà avere una promozione.”

Che lavoro fai, Black? Anche tu qualcosa di illegale ed eccitante, come Pale? O qualcosa di socialmente accettabile ma altrettanto divertente, come me?” chiede Guerra, e sogghigna.

Be’, credo…sono un broker finanziario, specializzato in commodities. Praticamente, speculo sulle materie prime, soprattutto prodotti agricoli.”

Morte sogghigna.

Vedo che anche tu hai scelto un mestiere adatto alla tua essenza,” dice. “Praticamente, fai morire di fame i poveri per arricchirti.”

Anche Wagaye sorride.

Be’, sì. Non credo che disapproviate!”

I suoi due fratelli scoppiano a ridere.

Certo che no, Carestia, anzi…pensa che io facevo il killer a pagamento. Ma adesso, ho deciso di fare il Cavaliere a tempo pieno. Red, invece, continua a fare l’avvocato…di giorno.”

Cosa devo dire, sono bravo…era un peccato smettere. Di giorno faccio sì che la gente si distrugga a vicenda in senso figurato, di notte in senso letterale.”

Ma adesso che ci penso, fratelli maggiori, non dovreste regalare un cavallo alla vostra sorellina? Ho sempre desiderato un pony, quando ero piccola.”

Morte ride di nuovo.

È giusto, Carestia. Vieni a incontrare il tuo destriero.”

Morte si dirige verso la zona più buia della terrazza, che a dire il vero è completamente immersa nelle tenebre. Guerra le fa un cenno e aspetta che Wagaye lo raggiunga, poi insieme si avviano dietro Morte. Come dal nulla, compaiono tre cavalli.

Uno, pallido e magro. Un altro, rosso e mastodontico. Il terzo, nero e scheletrico.

Wagaye saltella e batte le mani. Morte le getta un’occhiata e inarca un sopracciglio. Guerra si limita a ridacchiare.

Siccità! Siccità!” dice Wagaye, e getta le braccia al collo del cavallo nero, che strofina il muso contro il suo viso.

Siccità…?” domanda Morte, con tono perplesso.

Lo voglio chiamare così, Siccità, il cavallo di Carestia…è il nome giusto.”

Visto, Pale? È normale volere dare un nome al proprio cavallo appena lo si incontra. Sei tu che sei strano.”

Morte si limita a stringersi nelle spalle.

Il cavallo rosso sbuffa e gratta il terreno con uno degli zoccoli. Guerra gli si avvicina e lo accarezza sul collo.

Buono, Deimos. Sai, Black, è sempre un po’ nervoso…non gli piacciono le persone.” Guerra sogghigna.

Hypnos invece è come il suo padrone,” dice Morte, e sogghigna anche lui. “Lui adora le persone.”

Wagaye monta su Siccità, e nello stesso momento gli abiti che indossa cambiano. Una sorta di tunica di seta nera con due ampi spacchi per permetterle di cavalcare senza difficoltà, un’alta collana di pietre nere che le cinge il collo, scarpe basse con nastri di raso che si intrecciano sulle gambe, fino al ginocchio.

Visto? Carestia ha il senso della moda,” dice Wagaye, e ammicca.

Così sei ancora più carina, sai, Black?” dice Guerra, e monta in sella anche lui.

Morte sospira, poi anche lui sale su Hypnos.

Spero che il quarto Cavaliere sia un po’ più serio di voi due.”

Wagaye e Red si guardano e ridacchiano.

Non fare il noioso, Pale!” dice Wagaye. “Si può distruggere il mondo anche divertendosi.”

Su questo non ho dubbi,” dice Morte, e sorride. “Sarà molto divertente.”

I Cavalieri partono al galoppo, e scompaiono nel nero della notte.

Annunci

8 Comments

  1. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 4: Notte Bianca | Pontomedusa

  2. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 5: Pallido inizio | Pontomedusa

  3. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 6: Gigante Rossa | Pontomedusa

  4. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 7: Buco Nero | Pontomedusa

  5. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 8: Rumore bianco | Pontomedusa

  6. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 9: Re Pallido | Pontomedusa

  7. Pingback: Vieni e Vedi – Libro Primo. Cap. 10: Vedo Rosso | Pontomedusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...