Rei, un uomo uno gnocco, però non tromba mai

Che dire di Rei? Un gnoccolone da paura che si aggira per i desolati deserti che costituiscono il mondo post-bomba in cerca dell’Uomo dalle Sette Stelle, giustamente incazzato che quest’ultimo gli abbia rapito la sorella e ora verosimilmente passi le serate a sodomizzarla.

Sul fatto che Rei sia gnocco non si discute, tanto che anche gli uomini lo trovano attraente, non solo quando Rei si traveste da donna per tendere tranelli ai crestoni e derubarli; persino quando ha le sue sembianze quotidiane uno dei fratelli Cobra si lascia sfuggire che lo trova un bellissimo ragazzo!

rei1

Chi può resistere a degli occhioni da cerbiatto così?

Ma, come si sa, Rei è anche uno che cinghia forte. Fa quindi subito amicizia con Ken, e insieme decidono di aiutare Mamiya a salvare il suo villaggio da quei prepotenti della famiglia Cobra.
Ora, fin dal primo incontro è chiaro che Rei se la bomberebbe volentieri, la cara Mamiya, fa giusto un po’ specie che il suo modo di farle la corte sia strapparle i vestiti di dosso ad ogni occasione. E’ ancora più inquietante se si considera che Mamiya ha subito ripetuti stupri ad opera di Juda, e che verosimilmente la sorella dello stesso Rei stia subendo la medesima sorte.

Comunque, come dicevamo, il villaggio di Mamiya è minacciato dalla famiglia Cobra, che è come la famiglia Brady, però in versione maniaci-sadici-assassini. Se poi consideriamo che sono tutti figli di Papà Cobra, non vogliamo pensare a cosa abbiano passato quelle povere madri.
cobra

brady

…uguali

Dopo una serie di scaramucce, morti e tragedie, durate circa 20 puntate, finalmente Rei, Ken e Mamiya decidono di attaccare la famiglia Cobra e farla finita. Da notare che, incredibilmente, in queste 20 puntate a Ken non si strappa mai la maglietta, nonostante le botte da orbi, altrimenti Rei vedrebbe le Sette Stelle e la sceneggiatura sarebbe costretta a deragliare.

Ma Babbo Cobra ha un asso nella manica: Airi! Minacciando la povera tapina, costringe Rei e Ken a combattersi a vicenda. I due, però, grandi fan del WWE, inscenano un incontro farlocco che termina con la (finta) morte di entrambi. Quando i Cobra boys meno se lo aspettano, il nostro Dinamico Duo torna in vita e li gonfia tutti di mazzate.

Finalmente Airi è sana e salva, ma dopo alcune simpatiche parentesi che vedono protagonisti Jagi e Amiba ecco che l’esercito del Re di Hokuto attacca il villaggio di Mamiya! “Non si può mai stare tranquilli 5 minuti,” pensano gli abitanti.
Fra l’altro è da notare che, fino a questo punto, l’identità del Re di Hokuto è ancora ignota ai nostri amici. Uhm, vediamo un po’, quattro fratelli di Hokuto, Ken è Ken, Toki lo hanno recuperato, Jagi è morto, ma chi sarà mai? Uh, uh, che colpo di scena, chi avrebbe mai pensato che potesse essere il quarto fratello Hokuto, Raoh? Ma no, la colpa non è dei neuroni pigri di Ken, ma degli adattatori italiani, perché in giapponese il re si chiama Re del Pugno, quindi in effetti avrebbe potuto anche essere un Maestro della, che so, Sacra Scuola della Mozzarella. Ma torniamo a noi.
Rei, per fare il figo di fronte a Airi e Mamiya, sfida il nostro Re, che senza manco scendere da cavallo gli fa il colpo-segreto-che-dopo-tre-giorni-muori. E mo’ so cazzi.

Rei decide di dedicare i suoi ultimi giorni a vendicare l’onore di Mamiya uccidendo Juda, ma di questo abbiamo già parlato in altra sede.

Sconfitto il nemico-amico, Rei si prepara ad affrontare la morte. Mamiya finalmente ammette di amarlo, e lui pensa “Esticàzzi! E dirlo prima?”
Comunque, poi, muore da solo con dignità, ma soprattutto in un fiume di flashback che servono a riempire una puntata intera senza dover disegnare materiale nuovo. Il nostro eroe viene salutato dalle lacrime di tutti, che non lo dimenticheranno mai, o almeno fino alla prossima puntata: tutti allegri che arriva Souther!

Annunci

Di villains mancati, commissari tornati in forma e nerd che fanno meta

nojokeGotham

Avvertenza: questo post contiene SPOILER, che lo rendono più aerodinamico, quindi attenzione ai colpi d’aria, che poi vi viene il torcicollo.

E così, Jerome non era il Joker.
Pensavamo di avere capito tutto, e invece gli autori di Gotham ci hanno fregati. Jerome sarà l’ispirazione per il vero Joker, e detto questo lo salutiamo con la manina, e scusa per la coltellata in gola, Jerome, ma eri più utile da morto che da vivo.

E l’altra cosa che pensavamo di avere capito, con tutti i commissari fatti fuori uno dopo l’altro e Jim che era l’unico che mantenesse un po’ d’ordine, era che finalmente sarebbe diventato commissario, no? D’altra parte lo conoscono tutti, il Commissario Gordon. E invece?
E invece, è arrivato a Gotham il Commissario Scali:
scaliSolo che nel frattempo è passato da The Shield, ed è diventato così:
Gotham-Season-2-Michael-Chiklis-as-Nathaniel-Barnes

Il nuovo commissario mette su un gruppetto di giovani reclute sveglie e volenterose, fra loro anche Josie:

josie gothamChiaramente, anche lei prima faceva altro:

josie

Intanto, Alfred allontana Selina-Catwoman da Bruce giusto in tempo perché il rampollo incontri una nuova potenziale fidanzatina: la nipote del super-villain Theo Galavan. Dalla padella alla brace.

E finalmente, forse stasera E.Nygma tromba. Vai Eddie!

Di boss della mala, psicopatiche viziatelle e specchi tentatori

gotham-season-2

Avvertenza: questo post contiene SPOILER, che lo rendono più aerodinamico, quindi attenzione ai colpi d’aria, che poi vi viene il torcicollo.

Nella seconda stagione, ognuno ha guadagnato un pezzetto di oscurità.

Pinguino è ormai un super boss della mala. Sicuro quando muore si farà fare un funerale completo di carrozza coi cavalli e banda musicale.

Barbara-ormai-non-più-Gordon si sta rivelando un bel tipino. Io la preferisco come psicopatica assassina che come la viziatella-gne-gne degli inizi. Sarebbe bello se diventasse una villain classica. Per esempio la vedrei bene come Poison Ivy, una cattiva che ha sempre puntato sulla sensualità e che odia l’intero genere umano.
Quella ragazzina vestita di verde è chiaramente solo una che passa nell’inquadratura ogni tanto, potremmo dimenticarla senza rimpianti: è chiaro che non sia Ivy Pepper la vera Poison Ivy, è persino vegana!

E.Nygma l’aveva già fatta fuori dal vasino alla fine della scorsa stagione, e adesso ha un bello sdoppiamento di personalità, con la sua immagine allo specchio che gli parla e cerca di convincerlo a fare le brutte cose. Per me va bene, ma se comincia a lanciare una moneta, io voglio i miei soldi indietro.

Gordon, finalmente, ha il suo Cobblepot. E per colpa del vero Cobblepot, che in realtà non è stato il suo Cobblepot, perché…oh, lasciamo perdere.

Il piccolo Bruce ha scoperto la Batcaverna. E ha scoperto anche che Alfred sa fare le bombe, oltre a un ottimo tè.

I Pinguini mangiano i Pesci

pinguino

Cosa ci ha insegnato l’episodio 12 di Gotham?

– Abbiamo finalmente capito come fa Barbara-quasi-Gordon a vivere in un super-attico senza fare un tubo da mane a sera: ci ha i genitori con la grana.

– Falcone è meno scemo di quanto sembrasse. E, da bravo italiano, puoi toccargli tutto ma non la mamma!

– E. Nygma si sta caratterizzando sempre meglio, e al momento è terribilmente adorkable. Delizioso.

– Fish Mooney avrebbe dovuto ricordare che i Pinguini mangiano i Pesci.

Di crimini reali, modem 56k e autori ibernati

modem

Lo ammetto, mi piacciono i programmi che vanno sotto l’etichetta Real Giallo, serie americane che ricostruiscono delitti veramente accaduti.

Sono fatte bene, un mix di ricostruzioni drammatizzate e testimonianze reali, mica come Bruno Vespa col plastico.

Adesso, però, hanno tirato fuori Web of Lies.

Allora, già il concetto che sta dietro al programma, omicidi avvenuti ad opera di persone conosciute in chat, è una cosa a cui può ancora credere forse mia nonna.
Le persone che vivono nel presente hanno in genere capito che su Internet ci sono i maniaci, certo, ma come al parco, al supermercato e sul posto di lavoro.

Ma abbiamo la prova definitiva che gli autori del programma arrivano dal passato grazie alla sigla, che campiona i rumori di un modem 56k.
Sì, proprio questi:

Cari signori, il modem dialup non si usa più da 15 anni almeno in Occidente. A dire il vero, credo nemmeno in Burkina Faso.
E anche l’idea che Internet pulluli di maniaci che fingono di essere brave persone (voglio dire, che pulluli più del resto del mondo) è abbastanza ridicola e parecchio reazionaria.

Secondo me gli autori sono rimasti ibernati 20 anni, ma se li hanno rianimati solo per fargli scrivere questo bel programma, se ne poteva fare a meno.

Di miliardari che vivono in soggiorno, vecchi rimbambiti e donne-pianta scomparse dalla faccia della Terra

ivy

Sono un po’ indietro con la visione di Gotham, oggi ho visto Viper, vorrei solo fare qualche veloce osservazione:

– Ce la smenano tanto che Bruce Wayne ci ha i miliardi di dollari, ma in realtà a quanto pare il suo castello si compone di un’unica stanza: il soggiorno. Qui infatti Bruce mangia, dorme, studia, legge, riceve gli ospiti. Ho capito che il budget per le scenografie sarà limitato, ma la sospensione dell’incredulità comincia a risentirne gravemente.

– Dove cavolo è finita Poison Ivy? Selina/Catwoman è stata abbastanza approfondita, Pinguino ormai sta diventando l’antagonista principale, E. Nygma fa almeno una comparsata a episodio, e Ivy? Sì è vista un minuto nella prima puntata (ovviamente in compagnia di una pianta, altrimenti magari non avremmo capito), ha detto una battuta, ed è scomparsa dalla faccia della Terra.

– La storyline di Fish Mooney che raccatta una sgualdrinella per sedurre Don Falcone fa acqua da tutte le parti. Intanto la sgualdrinella sembra proprio tale, anche vestita di bianco con la gonna al ginocchio, quindi quando Falcone la avvicina prendendola per una signorina dabbène la sospensione dell’incredulità ci fa di nuovo ciao ciao con la manina. Va bene, Falcone è vecchio e magari è rimbambito: avrebbero fatto meglio a giustificare il suo comportamento con la demenza senile invece che tirare fuori dal cilindro Edipo con la sua orchestra sinfonica.

Di programmi copioni, hipster che molestano gatti e programmi malati

Ormai ho capito che la televisione si fa per imitazione.

Tempo fa avevo scritto che Masterpiece è come Masterchef ma con gli scrittori. Ieri ho visto Bakery Boss e ho pensato che è come Cucine da incubo ma con le pasticcerie al posto dei ristoranti. C’è anche Tabitha Mani di Forbice che fa la stessa cosa con i parrucchieri. Ultimamente ho visto anche un Hotel da Incubo senza Ramsay, e un Bar da incubo.

E cambiando un po’ l’ordine degli addendi, abbiamo Bake Off che è come Masterchef per i pasticcieri. Ma se vogliamo, Masterchef è una specie di X Factor per i cuochi.

Il mio Gatto è Indemoniato è un SOS Tata per felini. C’è il gatto che piscia ovunque e se i padroni lo sgridano li graffia, esattamente come i bambini che quando li mandi in punizione cominciano a tirare calci e urlare “Ti oodioo!” Solo che anziché la dolce e rassicurante tata c’è un hipster inquietante:

Anche io se fossi un gatto comincerei a comportarmi bene pur di non avere questo tizio intorno che cerca di accarezzarmi.

Anche io se fossi un gatto comincerei a comportarmi bene pur di non avere questo tizio intorno che cerca di accarezzarmi.

Sepolti in casa e Malati di pulito sono praticamente lo stesso programma, solo con due disturbi mentali diversi. Infatti ne hanno fatto anche un cross over, coi maniaci della pulizia che cercano di mettere a posto le case degli accumulatori compulsivi. In genere alla fine della puntata tutti e due hanno un esaurimento nervoso, col pulitore che vede germi ovunque e l’accumulatore che strilla di non toccare la sua roba.

So cosa state pensando: Pontomedusa, ma perché guardi ‘ste cagate?
In realtà molti di questi programmi non li guardo affatto, però ammetto che alcuni hanno un fascino malato, tipo gli incidenti in autostrada. Non vorresti guardare, eppure non riesci a cambiare canale.